Redditometro e acquisto sproporzionato

 

 

 

Ordinanza Corte Cassazione 3.5.2019, n. 11675                      

È legittimo l’accertamento tramite redditometro nel caso in cui gli acquisti risultano sproporzionati rispetto al reddito dichiarato dal contribuente (il caso di specie riguardava l’acquisto di quote di una srl).

Ciò a meno che non venga dimostrato che i beni / importi contestati non siano effettivamente entrati nella disponibilità del contribuente, in quanto derivanti da un atto simulato.

Spese di ristrutturazione studio professionista

 

Ordinanza Corte Cassazione 7.5.2019, n. 11907                      

Sono deducibili le spese di ristrutturazione sostenute da un professionista per adibire a studio l’immobile di proprietà del coniuge. Per usufruire della deducibilità è sufficiente la presenza di un comodato d’uso sul cespite di proprietà di un terzo.

Accertamento studi di settore

 

 

Ordinanza Corte Cassazione 8.5.2019, n. 12096                      

È valido l’accertamento basato sugli studi di settore nel caso in cui l’impresa dichiari margini operativi troppo esegui (nel caso di specie il margine operativo lordo sulle vendite risultava pari al 4,12%, mentre la media del settore oscillava tra un minimo del 19,08% e un massimo di 99,54%).

Fattura semplificata

 

Decreto MEF 10.5.2019

È stato pubblicato sulla G.U. 24.5.2019, n. 120 il Decreto che innalza da € 100 a € 400 il limite per l’emissione della fattura elettronica semplificata ex art. 21-bis, DPR n. 633/72

Accertamento presuntivo

 

 

 

Ordinanza Corte Cassazione 13.5.2019, n. 12682                     

È legittimo l’accertamento presuntivo nei confronti di un’impresa di onoranze funebri basato sulla presenza di elementi di “non coerenza logica della gestione dell’attività”, rappresentati da condotte anomale (omessa fatturazione, difformità rilevanti dei prezzi relativi ai “cofani”) e da importi eterogenei per lo stesso servizio reso.

Consultazione fatture elettroniche

 

 

 

 

 

Provvedimento Agenzia Entrate 30.5.2019

È stato pubblicato sul sito Internet dell’Agenzia il Provvedimento che differisce all’1.7.2019 il termine a decorrere dal quale sarà possibile aderire al servizio per la consultazione e l’acquisizione dei dati “completi” delle fatture transitate per il SdI.

Contestualmente è slittato al 31.10.2019 il termine ultimo per l’adesione allo stesso, al fine di includere tra le fatture “complete” consultabili anche quelle temporaneamente memorizzate nel periodo transitorio.

Esenzione IMU

 

Ordinanza Corte Cassazione 

22.2.2019, n. 5314                       

L’esenzione IMU non spetta alla moglie se il marito usufruisce di tale agevolazione per un’altra casa.

Solo uno dei due beni può infatti essere deputato a dimora reale della famiglia.

Credito d’imposta acquisto / adattamento registratore di cassa

 

 

 

 

Provvedimento Agenzia Entrate

28.2.2019                                     

Sono state definite le modalità di attuazione del credito d’imposta per l’acquisto / adattamento, da parte degli esercenti al dettaglio, dei registratori di cassa di nuova generazione impiegati per la memorizzazione elettronica / trasmissione telematica all’Agenzia dei corrispettivi giornalieri.

Tale agevolazione consiste in un credito d’imposta (valido per le spese sostenute nel 2019 e nel 2020) pari al 50% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di € 250 in caso di acquisto e di € 50 in caso di adattamento.

Codice tributo acquisto / adattamento registratore di cassa

 

 

 

 

Risoluzione Agenzia Entrate    

1.3.2019, n. 33/E                         

È stato istituito il seguente codice tributo per l’utilizzo in compensazione, con il mod. F24, del credito d’imposta per l’acquisto / adattamento degli strumenti per la memorizzazione elettronica / trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri:

-   “6899 - Credito d’imposta per l’acquisto o l’adattamento degli strumenti mediante i quali sono effettuate la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati dei corrispettivi giornalieri”.

Contribuente forfetario e ritenute estere

 

 

 

 

Risoluzione Agenzia Entrate      

15.3.2019, n. 36/E                        

Il contribuente forfetario non può usufruire del credito d’imposta per le imposte estere in quanto il reddito prodotto all’estero non concorre alla formazione del reddito complessivo in Italia.

In particolare il credito non spetta per la ritenuta subita dal lavoratore autonomo italiano in regime forfetario relativamente alle prestazioni di servizi rese ad un soggetto residente nella Repubblica di San Marino.

Regolarizzazione violazioni formali

 

Provvedimento Agenzia Entrate 15.3.2019                                                                                                             

È stato pubblicato sul sito Internet dell’Agenzia il Provvedimento attuativo delle disposizioni ex art. 9, DL n. 119/2018 in materia di regolarizzazione agevolata delle violazioni formali.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.