Luglio 2018

Bonus librerie

 

 

 

 

 

 

 

Decreto 23.4.2018                       

È stato pubblicato sulla G.U. 7.6.2018, n. 130 il Decreto attuativo dell’art. 1, commi da 319 a 321, Finanziaria 2018 che prevede, dal 2018, il riconoscimento di un credito d’imposta a favore degli esercenti attività commerciali operanti nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati (c.d. “bonus librerie”).

Il credito è parametrato agli importi pagati a titolo di IMU, TASI e TARI con riferimento ai locali di svolgimento dell’attività nonché alle eventuali spese di locazione / altre spese individuate dal MIBACT. I soggetti interessati devono presentare una specifica richiesta (telematica), entro il 30.9.2018, per il credito d’imposta 2018, calcolato con riferimento alle spese 2017.

Accertamento induttivo compravendita auto

 

Sentenza Corte Cassazione       4.5.2018, n. 10660                       

L’accertamento induttivo nei confronti di un soggetto esercente l’attività di compravendita di autovetture può essere effettuato tenendo conto dei prezzi “normali” di mercato desumibili dalle note riviste del settore.

Studi di settore e percentuali di ricarico

 

Ordinanza Corte Cassazione     21.5.2018, n. 12416                     

È legittimo l’accertamento basato sugli studi di settore in presenza di una condotta imprenditoriale antieconomica, con applicazione di una percentuale di ricarico irrisoria, notevolmente inferiore rispetto a quella del settore di riferimento.

Imposta di pubblicità

 

Sentenza Corte Cassazione       23.5.2018, n. 12783                     

L’imposta comunale di pubblicità è dovuta per la mera disponibilità dello spazio su cui il messaggio pubblicitario può essere diffuso, a prescindere dall’effettivo utilizzo dello stesso.

Voucher digitalizzazione

 

 

 

Decreto MISE 1.6.2018               

È stato pubblicato sul sito Internet del MISE il Decreto che approva il nuovo elenco dei soggetti beneficiari del voucher digitalizzazione.

L’elenco “è stato definito a seguito dell’integrazione della dotazione finanziaria dell’intervento, avvenuta con il decreto ministeriale 23 marzo 2018, e dell’espletamento dei controlli amministrativi su tutte le domande presentate”.

Acconto IRPEF 2017 insufficiente e nuova IRI

 

 

 

Risoluzione Agenzia Entrate     22.6.2018, n. 47/E                       

Non sarà sanzionato il contribuente che ha effettuato il versamento di un acconto IRPEF 2017 inferiore al dovuto prevedendo di optare per la nuova IRI dal 2017, la cui applicazione è stata successivamente differita al 2018 ad opera della Finanziaria 2018.

Nell’ambito del mod. REDDITI 2018 PF, i contribuenti interessati dovranno opportunamente compilare i righi RS148 “Rideterminazione dell’acconto” e RN38 “Acconti”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.